Esempio di un bagno nel sottotettoUn bagno nel sottotetto è una grande comodità e aumenta molto il valore dell'immobile

Creare un bagno in mansarda bassa è una delle più piacevoli “sfide” che si possono presentare a chi arreda un’abitazione, perché le possibilità sono tante ed il risultato, oltre ad essere esteticamente molto gradevole e funzionale, è anche economicamente vantaggioso.

In questo articolo troverai alcune soluzioni per creare un bagno in mansarda partendo da zero, ossia dalle parti strutturali all’ impiantistica, fino a arrivare all’arredo e al rivestimento delle pareti. Ti daremo anche alcune indicazioni sui prezzi e su come fare per risparmiare sulla realizzazione del progetto.

Inoltre, la mansarda in cui creerai il bagno potrebbe risultare al catasto agibile ma non abitabile: ti spiegheremo cosa puoi fare in questo caso.

 

Come creare un bagno in una mansarda bassa

Per prima cosa dovresti verificare se la mansarda in questione è accatastata come abitabile o non abitabile. Nel primo caso, infatti, la realizzazione di un bagno presenta praticamente le stesse problematiche che si affrontano quando si crea un secondo bagno in casa.

Naturalmente è possibile creare un bagno anche in una mansarda non abitabile, ma occorre fare delle modifiche strutturali per rientrare nei parametri di abitabilità previsti dalla legge per quanto riguarda i locali di servizio, come appunto i bagni.

Il problema principale da affrontare in una mansarda agibile, ma non abitabile, è l'altezza del tetto che, secondo la normativa nazionale, per i bagni e i locali di servizio non deve essere inferiore a 2,4 m.

Se l'altezza del locale in cui intendi posizionare il bagno è inferiore, dovrai prendere in considerazione l'ipotesi di alzare la linea di colmo. Si tratta di un intervento importante, che può comportare il rifacimento del tetto, oltre a modifiche dell’altezza dei muri portanti consentite solo in alcune regioni italiane.

Il secondo problema da affrontare è il rapporto mq/numero di finestre  o rapporto aeroilluminante, che in un sottotetto non abitabile spesso è più basso di quello consentito dalla legge. In alcuni casi, dovrai provvedere ad aprire uno o due lucernari sul tetto, con comando di apertura azionabile elettronicamente. I lucernari sono molto più efficaci delle finestre verticali per illuminare un ambiente, quindi, il fattore medio di luce diurna previsto per legge dovrebbe essere raggiunto abbastanza agevolmente.

 

Bagno in mansarda: permessi e costi

Per interventi del genere è obbligatoria la realizzazione di un progetto realizzato da un professionista qualificato, che andrà presentato all'Ufficio Tecnico del tuo Comune. Dovrai anche fare la Comunicazione di Inizio Lavori e scegliere una ditta di costruzioni edili cui affidare l’intervento. 

I costi di recupero di un sottotetto non abitabile sono molto variabili a seconda del tipo di intervento, dei materiali e della zona in cui risiedi. In media comunque i costi partono da 15/20 mila euro in su.

Anche se si tratta di interventi abbastanza costosi, recuperare un sottotetto non abitabile significa guadagnare mq calpestabili, con un aumento del valore dell'abitazione anche del 30-40%. Inoltre, per la realizzazione di un bagno sottotetto, puoi usufruire della maggiore detrazione Irpef del 50% e dell'IVA agevolata al 10% su prestazioni d'opera e materiali.

 

Come risparmiare sui prezzi del bagno in mansarda o nel sottotetto

Per risparmiare ulteriormente, però, potresti confrontare diversi preventivi di ditte che lavorano nella tua zona. Confrontando i preventivi, infatti, puoi valutare diverse soluzioni per la realizzazione del bagno nella tua mansarda, scegliendo quella più adatta al tuo budget.

Se vuoi, puoi richiedere diversi preventivi anche tramite il nostro sito, compilando una breve richiesta corredata dei tuoi dati di contatto in cui spieghi la natura dell'intervento che intendi fare. In poche ore, riceverai tre preventivi gratuiti da parte di ditte che si occupano di questo genere di lavori situate vicino a te.

Con tre preventivi, potrai già avere una visione chiara dei costi medi per il lavoro che intendi fare, oltre a poter prendere un iniziale contatto con i professionisti del settore edile che lavorano nella tua zona, senza muoverti da casa.

 

Bagno in mansarda: l'arredo e gli impianti

Una volta risolto il problema dell'abitabilità, occorre affrontare quello della realizzazione dell'impianto di carico e scarico cui collegare poi i sanitari.

Si tratta di un problema agevolmente superabile se il bagno viene realizzato in prossimità della colonna di scarico dell'abitazione. Se invece hai necessità di realizzare il bagno lontano dalla colonna principale, puoi visitare il nostro approfondimento su wc e pendenza dello scarico per avere un'idea di quali sono gli interventi che potresti effettuare.

In molti casi, è sufficiente installare un wc con trituratore annesso, capace di ridurre il volume dei rifiuti in modo tale da permettere di far passare gli scarichi anche sotto il pavimento o in muri piuttosto sottili.

La realizzazione di un impianto idrico ha un costo di circa 1.500 euro, variabile a seconda del tipo di impianto che occorre realizzare.

Per avere un miglior ricircolo dell'aria, potresti anche considerare di installare un sistema di ventilazione forzata ad attivazione intermittente, al costo di base di circa 200 euro. Inoltre, dovrai probabilmente realizzare alcuni punti luce aggiuntivi, con un costo di circa 60 euro a punto luce.

Naturalmente sono solo opinioni, ma per un bagno in mansarda - visti gli spazi piuttosto contenuti sia in orizzontale che in verticale - un arredamento moderno offre soluzioni salvaspazio a costi piuttosto contenuti. 

Ad esempio, potresti installare un wc con scarico a parete o con scarico incorporato, piuttosto che le comuni cassette di scarico esterne, semplicemente perchè in questo modo la cassetta di scarico può essere posizionate dietro o sopra il wc, anche in pareti piuttosto sottili.

Puoi scegliere anche sanitari sospesi a filomuro, che permettono di guadagnare cm preziosi grazie alla profondità minima (appena 50 cm o meno). Per la scelta del lavabo, anche qui sono disponibili alternative salvaspazio che si sviluppano in larghezza anziché in profondità.

Per l'acquisto e l'installazione dei sanitari e delle rubinetterie, tieni presente un costo medio di 900 euro.

 

La doccia in mansarda

La doccia è un'ulteriore sfida per chi decide di realizzare un bagno in una mansarda bassa.

Hai diverse possibilità: 

  • Scegliere un piatto doccia/box doccia su misura.
  • Creare una doccia walk in estendendo i rivestimenti utilizzati per il bagno fino dentro la doccia, con un piatto doccia a filo pavimento.
  • Creare una bella doccia in muratura, utilizzando uno spigolo libero del bagno.

 

La realizzazione di un sottofondo e la posa del piatto doccia ha un costo di circa 600/700 euro. La doccia walk in e la doccia in muratura, invece, sono soluzioni un po’ più costose, ma che permettono una maggiore flessibilità nella forma e nelle dimensioni.

Infine, per quanto riguarda i rivestimenti, di solito si portano ad almeno a 1,8 m di altezza. I rivestimenti più adatti, per limitare il numero di tagli alle piastrelle, sono quelli di piccole dimensioni, con fughe strette o a giunto chiuso. 

Essendo il bagno di una mansarda il rivestimento andrebbe scelto con lo stesso criterio con cui si sceglie la piastrellatura per un bagno senza finestra. Per questo, ti rimandiamo al nostro approfondimento sul bagno cieco e come migliorarne l’illuminazione.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.
Attendere..

X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it