la resina è ottima per rinnovare il bagno, perchè può essere usata sopra le piastrelle esistenti

La resina è il rivestimento ideale per rinnovare il bagno senza rimuovere le piastrelle esistenti, rendendo le pareti perfettamente impermeabili. Lo spessore varia in base al numero di mani, con un minimo di appena 2-3 mm, abbastanza per coprire il vecchio rivestimento senza ridurre lo spazio calpestabile e senza la necessità di regolare o tagliare gli infissi.

In commercio esistono tre tipi di resine:

  • epossidiche
  • cementizie
  • poliuretaniche.

La resina epossidica è la più semplice da applicare sui rivestimenti ed è ideale per gli interni.

La resina cementizia si usa soprattutto per pavimenti effetto cemento ed è particolarmente resistente all'usura e al calpestìo.

La resina poliuretanica è ancora più resistente e viene usata soprattutto per pavimentazioni esterne o industriali.

Tutte e tre le tipologie possono essere a base d'acqua o di solvente. Le resine a base d’acqua sono più ecologiche e non sviluppano sostanze tossiche nè durante la posa nè durante l’utilizzo, risultando più adatte all'applicazione in interno.

In questo articolo parleremo delle caratteristiche della resina per il rivestimento del bagno, dai prezzi di applicazione alle finiture disponibili fino ai pro e contro rispetto ad altre soluzioni.

Resina per il rivestimento del bagno: costi

La resina per il bagno ha prezzi variabili a seconda del tipo di resina e dello spessore del rivestimento, ossia del numero di mani effettuate.

L'applicazione di una resina per il bagno avrà un prezzo variabile anche in base alla finitura. Alcune finiture particolari come il 3D richiedono un elevato numero di mani fino a raggiungere spessori molto alti, anche fino a 5 cm, con costi decisamente più elevati rispetto alle resine pellicolari.

Tipologia Costo indicativo
Resina epossidica per il bagno (spessore 2-3 mm) da 20 €/mq
Resina epossidica per il bagno (spessore 5-20 mm) da 40 €/mq
Resina cementizia per il bagno (spessore 5-20 mm) da 70 €/mq
Resina cementizia per il bagno (spessore 20-50 mm) 100-120 €/mq
Resina poliuretanica autolivellante (spessore 20-30 mm) da 60 €/mq

 

Come vedi abbiamo riportato anche i prezzi dei rivestimenti in resina autolivellante, anche se l'applicazione in interno avviene raramente e solamente per grandi spazi industriali.

Un consiglio per risparmiare

L'applicazione della resina sulle piastrelle del bagno ha costi variabili in base alle zone, anche in funzione dei prezzi della manodopera. I costi del materiali infatti ammontano ad appena 2-4 €/mq; il resto del prezzo finale è dato dal costo di posa.

Per essere sicuro di scegliere un preventivo davvero conveniente ti consigliamo di confrontare più offerte. Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea di quanto costa la resina per il rivestimento del bagno nella tua città;
  • trovare applicatori disponibili a trattare sui costi di posa;
  • trovare applicatori esperti in grado di eseguire tecniche decorative complesse - non tutti hanno nel loro bagaglio di esperienza le competenze necessarie per applicare sistemi decorativi.

Preventivi per la resina in bagno... comodi e veloci

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, puoi richiedere preventivi a professionisti della tua zona tramite il nostro sito.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per il tuo bagno in resina da tre ditte specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione giusta per te!

Resina per il rivestimento del bagno: colori e finiture

Qual'è l'effetto finale della resina in bagno?

Con le resine monocrome è possibile realizzare bellissimi bagni senza piastrelle in stile sia classico che moderno, con una cartella colori che comprende tutte le possibilità normalmente offerte dalla pittura murale. In un nostro precedente articolo trovi alcune idee e i colori di tendenza 2019.

Per rivestire con la resina un solo muro del bagno o per realizzare un bagno con pavimento in resina e piastrelle è possibile optare per le tante resine decorative in commercio. Le finiture più diffuse sono

  • effetto marmo, con un risultato finale simile al tradizionale marmorino;
  • effetto pietra, con una finitura materica che ricorda la pietra naturale;
  • glitter, ottenuta mescolando alla base degli inerti che riflettono la luce;
  • effetto cemento, con tutte le possibili varianti come nuvolato, acidato effetto metallo, spatolato;
  • effetto vetro e 3D, con finitura lucida effetto bagnato e la possibilità di creare un disegno 3D;
  • decori murali realizzati artigianalmente su disegno.

Anche nel caso delle finiture decorative è possibile abbinare due o più colori a scelta, con un' elevatissima possibilità di personalizzazione. La resina può essere applicata anche in verticale, con l’unica problematica che a seconda di come la luce colpisce la superficie il colore potrebbe sembrare leggermente differente.

La resina è compatibile con tanti materiali, dalla muratura al cemento al cartongesso fino ad elementi decorativi come le boiserie in legno oppure le cornici in gesso o in polistirolo.

L’unica limitazione effettiva dal punto di vista delle finiture è che consente solo rivestimenti continui. Per mantenere le fughe della piastrellatura esistente puoi optare per delle piastrelle viniliche adesive.

Resina per il rivestimento del bagno: pro e contro

L'utilizzo della resina in bagno non sempre raccoglie opinioni favorevoli. Ad ogni modo, i pro e contro sono bilanciati e la scelta dipende molto dalle proprie necessità.

Pro

  • Possibilità di applicazione in sovrapposizione, risparmiando i costi di demolizione del rivestimento esistente (in media 10 €/mq).
  • Tempi di realizzazione ridotti (calpestabile dopo 1 giorno).
  • Elevate possibilità di personalizzazione.
  • Ottima resistenza all'acqua e al calpestìo.
  • Facilità di pulizia.

Contro

  • Riparazioni difficoltose, in alcuni casi bisogna sostituire tutto il pavimento.
  • Sensibilità ai raggi UV, che possono provocare antiestetici scolorimenti.
  • Costi di rimozione elevati, anche doppi rispetto alle comuni piastrelle.
  • Durata inferiore alle piastrelle, anche se le caratteristiche meccaniche della resina rimangono inalterate nel tempo, la finitura può opacizzarsi, graffiarsi, ecc.

La resina può essere applicata solamente su superfici integre, quindi, andranno comunque sostituite le eventuali piastrelle rotte.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it