di solito la prima tranche del mutuo per costruire casa viene erogato a completamento del tetto

Costruire casa da zero è un lavoro bellissimo e faticosissimo, per il quale serve tempo, attenzione e una buona dose di pazienza.

Le fasi della costruzione comprendono

  • realizzazione del progetto;
  • scavi e opere di urbanizzazione;
  • realizzazione delle strutture portanti (fondazioni, struttura portante verticale, struttura portante del tetto e delle coperture di box e annessi);
  • realizzazione delle murature esterne (tamponamenti esterni, muri divisori interni, strutture orizzontali, eventuali cappotti termici esterni);
  • realizzazione della copertura del tetto;
  • realizzazione degli impianti (elettrico, idrico, termico);
  • finiture (pavimenti, rivestimenti, intonaci, soglie, gronde, rubinetterie, caloriferi, ecc);
  • posa dei serramenti esterni ed interni.

Al termine dei lavori ci sarà il collaudo statico e la presentazione della Segnalazione Certificata di Agibilità.

Volendo è possibile anche comprare un terreno e costruire una casa prefabbricata con un risparmio consistente. La durata di una casa prefabbricata generalmente è superiore ai 30 anni senza alcuna manutenzione, dopo di che possono essere necessarie opere di consolidamento.

Per costruire casa su un terreno agricolo il proprietario deve esercitare l’attività di imprenditore agricolo da almeno 3 anni e la costruzione è consentita per massimo 0,03 metri cubi per ogni metro quadro di terreno (D.P.R. n. 380/2001).

In questo articolo parleremo di quanto costa costruire una casa, dalla progettazione al collaudo, che tipo di finanziamento serve e le agevolazioni cui è possibile accedere.

Quanto costa costruire una casa?

Per costruire una casa da zero bisogna sostenere tre tipi di costi

  • progettazione
  • realizzazione
  • pratiche burocratiche.

I costi di progettazione comprendono la parcella dell'architetto e di tutti i tecnici coinvolti nella realizzazione della documentazione tecnica, incluso capitolato e computo metrico estimativo. In genere per la progettazione si chiede l'8% del costo complessivo dei lavori e per la direzione dei lavori il 4-7%.

I costi di realizzazione veri e propri variano a seconda dei materiali usati per la struttura e delle finiture.

Di seguito trovi quanto costa costruire una casa economica, strutturalmente solida con finiture non di pregio.

Materiale Prezzo indicativo
casa con struttura in cemento armato da 1.000€/mq
casa prefabbricata in cemento armato da 800 €/mq
casa prefabbricata in legno da 750 €/mq

 

Per costruire casa con finiture standard si sale a 1.200-1.500 €/mq sia per le abitazioni in cemento armato che per quelle in legno. Questa cifra non comprende eventuali opere di consolidamento o demolizione.

Di seguito invece trovi i costi delle principali pratiche edilizie richieste per la costruzione di una casa.

Pratica edilizia Prezzo indicativo
Permesso di Costruire 1.200 €
Scia edilizia 500-1.000 €
Segnalazione Certificata di Agibilità 1.000 €
Nuovo accatastamento 500 €
Attestato di Prestazione Energetica 100 €

 

Questo è il costo della singola pratica. E' chiaro che affidando più pratiche allo stesso professionista andrai sicuramente a risparmiare.

Un consiglio per risparmiare

I costi di costruzione di una casa variano da zona a zona, anche in funzione dei prezzi della manodopera e delle dinamiche di mercato. Per farti un'idea più precisa dei costi ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • capire quali sono i costi di costruzione nella tua città;
  • trovare imprese disponibili a trattare sul costo finale senza intaccare la qualità dei materiali;
  • trovare buone offerte anche per case prefabbricate.

Preventivi per costruire casa... senza stress

Hai tanti impegni e non hai tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, puoi richiedere preventivi a tre imprese edili della tua zona tramite il nostro sito.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per la tua nuova casa da tre ditte specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al caso tuo, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione giusta per te!

Il mutuo per costruire casa

Per costruire una casa in genere bisogna accendere un mutuo a stato avanzamento lavori o mutuo SAL. Si tratta di un particolare tipo di finanziamento in cui il capitale richiesto viene dato in quote corrispondenti alle diverse fasi di realizzazione dell'immobile. Di solito bisogna aver completato la costruzione in 24 mesi e aver acceso un’ipoteca sull'immobile a garanzia del mutuo.

L'importo che ti verrà concesso e i tempi di erogazione vengono decisi in base ad una apposita perizia eseguita dalla banca stessa. Bisognerà anche presentare tutta la documentazione tecnica relativa, dal contratto di acquisto del terreno al capitolato con computo metrico estimativo fino al progetto vero e proprio. La perizia verrà rifatta prima dell'erogazione di ogni quota. Si inizia a pagare il mutuo una volta conclusi i lavori e presentata la Segnalazione Certificata di Agibilità.

La prima tranche in genere viene erogata a completamento del tetto. Per quanto riguarda i costi, bisogna fare un'attenta valutazione basandosi su parametri come

  • tipologia di tasso (fisso, variabile, misto);
  • TAEG, ossia l'indicatore che racchiude sia tasso di interesse che costi del mutuo;
  • durata ed eventuali spese aggiuntive non incluse nel TAEG.

L'alternativa al mutuo SAL è il mutuo tradizionale dando a garanzia un immobile diverso da quello in costruzione.

Le agevolazioni per costruire la prima casa

Per la prima casa ci sono due tipi di agevolazione:

  • garanzia statale del Fondo Prima Casa;
  • Bonus Casa 2018.

Il Fondo Prima Casa Consap eroga una garanzia del tutto identica a quella fornita da un normale fideiussore (parente, datore di lavoro, ecc) a copertura del 50% della quota capitale erogata. Non c’è limite di reddito, ma viene data priorità a giovani under 35 con contratto di lavoro atipico, giovani coppie, single con figli a carico e conduttori di case popolari. Per informazioni visita il sito di Consap.

Il Bonus Casa 2018 comprende alcune agevolazioni sul piano fiscale. Se l'impresa o la persona da cui si acquista non è soggetta al pagamento dell'IVA si pagherà

  • imposta di registro al 2% anzichè al 9%
  • imposta ipotecaria: 50 €
  • imposta catastale: 50 €.

Se la ditta è soggetta al pagamento dell'IVA si pagherà:

  • IVA al 4% anzichè al 10%
  • imposta di registro: 200 €
  • imposta ipotecaria: 200 €
  • imposta catastale: 200 €.

X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it