la pittura termoisolante anticondensa è ideale per ambienti umidi come cucina e bagno

Cos'è la pittura termoisolante e a cosa serve?

Con questo termine si indicano le vernici acriliche addizionate con isolanti termici. Le più diffuse sono quelle addizionate con nanosfere in ceramica o in vetro, oppure con polvere di sughero.

Può essere applicata sia sugli interni che sugli esterni ed ha fondamentalmente la funzione di ridurre la trasmittanza termica della parete, come fosse un cappotto termico a bassissimo spessore.

La pittura termoisolante può avere anche funzione

  • anticondensa, se addizionata ad additivi che migliorano la resistenza all'umidità (es. biossido di titanio);
  • antimuffa, se addizionata ad additivi disinfettanti;
  • decorativa, se può essere impiegata per le decorazioni murali.

La pittura termoisolante per esterni può essere resa più resistente con l'aggiunta di silicati e può avere caratteristiche riflettenti per ridurre gli effetti dell'irraggiamento solare.

In questo articolo parleremo dei costi delle vernici termoisolanti per interni ed esterni, con i costi di applicazione, alcune considerazioni sulla loro efficacia e un piccolo focus su quali sono le detrazioni fiscali ottenibili per questo genere di interventi.

Pittura termoisolante: prezzi

La pittura termoisolante ha un costo variabile a seconda del tipo di prodotto impiegato e della resa, ossia della quantità di prodotto necessaria al mq per singolo strato. Da tenere presente che in genere servono almeno due mani di prodotto per avere un risultato ottimale.

Ecco i prezzi medi per litro delle pitture termiche più diffuse.

Tipo di pittura termoisolante Prezzo indicativo
pittura termoisolante per interni classica da 10 €/l, resa media: 10 mq/l
pittura termoisolante anticondensa da 7 €/l, resa media: 5 mq/l
pittura termoisolante antimuffa (tipo Supercomfort San Marco) 10 €/l, resa media: 6 mq/l
pittura termoisolante decorativa (silver, perlescente, colorata, per spatolato) da 20 €/l, resa variabile a seconda del tipo di prodotto
pittura termoisolante antimuffa con grassello di calce e sughero 35 €/l, resa media: 4-6 mq/l
pittura termoisolante per esterni ai silicati da 10 €/l, resa media: 2,5 mq/l
nanosfere ceramiche da addizionare all'idropittura 60 €/kg

I costi possono variare in maniera significativa da produttore a produttore e così la resa.

Pittura termoisolante: costi di applicazione

Abbiamo visto il costo al litro dei differenti prodotti per darti un orientamento generale delle variazioni di prezzo. Ma quanto costa il lavoro finito?

L'applicazione di una pittura termoisolante da interni ha un costo di circa 8 euro/mq.

Nel caso degli esterni il costo può salire a 10-15 euro al mq, legati a spese fisse come l'allestimento del ponteggio e i relativi costi burocratici. Per risparmiare puoi utilizzare ditte specializzate in lavori in altezza su fune, di cui abbiamo parlato nel nostro articolo sull'edilizia acrobatica.

I costi di applicazione variano a seconda delle zone, anche in funzione dei prezzi della manodopera per cui, per essere sicuro di scegliere un preventivo davvero conveniente, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea dei prezzi della pittura termoisolante nella tua città;
  • trovare pittori disponibili a trattare sui costi della manodopera;
  • confrontare più soluzioni sulla base dell'esperienza di professionisti del settore.

Preventivi per la pittura termoisolante... anche se hai poco tempo

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a professionisti della tua zona tramite il nostro sito. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per l'applicazione di pittura termoisolante da tre ditte specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al caso tuo non devi fare altro che rimetterti in cerca dell'offerta perfetta per te!

La pittura termoisolante funziona?

La pittura termoisolante viene spesso proposta come alternativa ad un cappotto termico, per risolvere problemi di muffa dovuti a ponti termici e scarso isolamento delle pareti.

In realtà, la pittura termoisolante è efficace solamente se la problematica è molto lieve o se applicata in abbinamento ad altri sistemi termoisolanti (es. un intonaco termico). Anche la sinergia intonaco termico-pittura termoisolante, però, è efficace solamente se c'è un minimo di coibentazione dell'edificio e se la differenza tra temperatura esterna ed interna non è notevolissima.

Il motivo dell'efficacia limitata di questo sistema è semplice: lo spessore della pittura termica è troppo basso per garantire un risultato eclatante.

La pittura anticondensa o antimuffa essere comunque utile nelle riqualificazioni energetiche di edifici posti in zone climatiche miti, dove ci sono problemi di condensa di origine "mista" (scarsa ventilazione più pareti fredde).

Se si usa la pittura termoisolante contro la muffa, è sempre bene abbinarla ad un sistema di ventilazione meccanica. Questo perchè queste pitture sono meno traspiranti dell'idropittura tradizionale e in alcuni casi potrebbero addirittura peggiorare il problema.

E' il caso delle pareti soggette ad umidità di risalita o ad umidità di costruzione, in cui l'applicazione di una pittura termoisolante può addirittura rallentare l'evaporazione dell'acqua contenuta nel muro.

Pittura termoisolante e detrazioni fiscali

Sono state prorogate fino al 31 dicembre 2018 le detrazioni fiscali per la ristrutturazione dell'abitazione, con il rimborso Irpef del 50% della spesa sostenuta. E’ possibile detrarre le spese effettuate per l’intervento fino ad un massimo di 96.000 euro, da suddividere in 10 quote annuali di pari importo a partire dall'anno di esecuzione dei lavori. Oltre ai materiali e alla manodopera, si possono detrarre anche i costi burocratici e di progettazione.

Tra gli interventi che è possibile portare in detrazione riguardanti aree private ci sono

  • rifacimento di intonaci e tinteggiatura esterna con diversi materiali e/o colori;
  • interventi di recupero del patrimonio edilizio, finalizzati all’eliminazione e alla prevenzione di situazioni di degrado.

Per quanto riguarda le aree comuni condominiali è possibile detrarre anche

  • rifacimento intonaci e tinteggiatura esterna conservando materiali e colori uguali a quelli preesistenti;
  • rifacimento intonaci tinteggiatura interna senza limiti di materiali e colori.

Per approfondire puoi leggere il nostro articolo sulle detrazioni fiscali per la ristrutturazione.

Media calcolata su 6 voti
Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it