Il conto termico 2018 per le stufe a pellet incentiva fino al 65% della spesa sostenuta

Il Conto Termico 2.0 consente di inserire l'installazione della stufa a pellet negli interventi agevolabili, assieme ad altri generatori di calore a biomasse. L'incentivo in Conto Termico per le stufe a pellet arriva fino al 65% della spesa sostenuta ed è fruibile anche da parte di imprese e privati.

Gli incentivi riguardano l'installazione di caldaie e stufe a biomasse in sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti in immobili di qualsiasi categoria catastale ad esclusione della F3, purchè siano soddisfatti determinati requisiti tecnici. Sono cumulabili con altre agevolazioni non statali, ma non con le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione.

In questo approfondimento troverai i requisiti tecnici per accedere al Conto Termico 2018-2019, i costi di sostituzione, come si calcolano gli incentivi e la procedura da seguire per ottenere i rimborsi.

Conto termico stufe a pellet 2018: requisiti tecnici

Il Conto Termico incentiva la sostituzione del generatore di calore esistente con:

  • caldaie a biomassa di potenza termica nominale inferiore o uguale a 500 kWt;
  • caldaie a biomassa di potenza termica nominale superiore a 500 kWt e inferiore o uguale a 2.000 kWt 24;
  • stufe e termocamini a pellet;
  • termocamini a legna;
  • stufe a legna.

La sostituzione parziale è ammessa solo nel caso di un impianto pre-esistente dotato di più generatori di calore. E' obbligatorio anche mettere a punto ed equilibrare il sistema di distribuzione (radiatori, termoconvettori) e installare su tutti i corpi scaldanti degli elementi di regolazione come le valvole termostatiche a bassa inerzia termica.

L'equilibrazione e l'installazione delle termovalvole è obbligatoria dove fattibile o dove non vi sia già una centralina di termoregolazione con dispositivi di regolazione automatica della temperatura ambientale. Sono anche esclusi gli impianti di climatizzazione invernale a bassa temperatura, le piccole reti di teleriscaldamento, i condomini dove ci sono già sistemi di contabilizzazione individuale dell'energia termica.

Gli impianti con potenza termica utile superiore a 200 kW devono essere dotati di sistemi di

contabilizzazione del calore.

E' obbligatoria almeno una  manutenzione biennale per tutta la durata dell’incentivo, sia sul generatore di calore che sulla canna fumaria.

Per finire ciascuna tipologia di generatore deve rispondere a precisi requisiti tecnici in termini di rendimento termico ed emissioni. E' possibile scegliere tra generatori prequalificati inseriti in un apposito catalogo.

Conto termico stufe a pellet 2018-2019: costi da sostenere

Tipologia Prezzo indicativo
stufa a pellet 6-8 Kw canalizzabile senza canna fumaria 500-1.000 €
stufa a pellet 13 Kw canalizzabile 1.000-2.000 €
stufa a pellet idro 13 Kw (produce anche acqua calda sanitaria) 1.500-2.000 €
installazione e Dichiarazione di Conformità 100-400 €

 

Il vantaggio economico legato all'installazione di una stufa a pellet può essere vanificato da sistemi di distribuzione del calore inefficienti, per cui in alcuni casi conviene sostituire i vecchi radiatori con radiatori dalle prestazioni migliori. Per approfondire i prezzi delle diverse tipologie ti rimandiamo alla sezione Termosifoni di questo sito.

Tra i requisiti tecnici c'è anche l'installazione di sistemi di regolazione del calore come le valvole termostatiche, di cui parliamo in un apposito approfondimento. Per quanto riguarda i sistemi di contabilizzazione del calore, invece, ti rimandiamo al nostro articolo sui ripartitori di calore.

Un consiglio per risparmiare

I costi di installazione di una stufa a pellet variano a seconda delle zone, anche in funzione dei prezzi della manodopera. Per questo motivo, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte. Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea di quanto costano le stufe a pellet nella tua città;
  • trovare installatori disponibili a trattare sui costi di posa e manutenzione;
  • trovare generatori di calore in offerta - alcune ditte godono di convenzioni con i rivenditori e possono acquistare la tua stufa per te a prezzo scontato.

Preventivi per la stufa a pellet... tra un impegno e l'altro

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte? Se vuoi puoi richiedere preventivi ad installatori della tua zona tramite il nostro sito. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per il tuo nuovo impianto di riscaldamento da tre imprese specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi ti interessa, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca dell’offerta migliore per te!

Calcolo dell'incentivo del Conto Termico per stufe a pellet

L'entità dell'incentivo del Conto Termico per le stufe a pellet si calcola seguendo uno specifico algoritmo:

 

Ia tot = 3,35 x Pn x hr x Ci x Ce

 

Ia tot = incentivo annuo in euro

𝑃n = potenza termica nominale dell’impianto

hr = coefficiente di utilizzo, definito in funzione della zona climatica (v. tabella 1)

Ci = coefficiente di valorizzazione dell’energia termica prodotta espresso in €/kWh t (v. tabella 2)

Ce = coefficiente premiante riferito alle emissioni di polveri (v. tabella 3)

 

L'incentivo totale è pari a 2 annualità per generatori con potenza termica utile nominale ≤ 35 kW e 5 annualità per generatori con potenza termica utile nominale per generatori > 35 kW.

Tabella 1 - Conto termico stufa a pellet: coefficiente di utilizzo

Zona climatica hr
A 600
B 850
C 1.100
D 1.400
E 1.700
F 1.800

Tabella 2 - Conto termico stufa a pellet: coefficiente di valorizzazione

Tipologia di intervento Potenza termica nominale ≤ 35 kWt Potenza termica nominale > 35 kWt
Termocamini e stufe a pellet Ci = 0,040 €/kWht /

 

Tabella 3 - Conto termico stufa a pellet: coefficiente premiante

Particolato primario (PP) Ce
15 < Emissioni ≤ 20 1
10 < Emissioni ≤ 15 1,2
Emissioni ≤ 10 1,5

 

Come vedi il Conto Termico per le stufe a pellet prevede un calcolo piuttosto complesso che deve tenere conto delle norme tecniche specifiche del generatore (UNI EN) per la determinazione di alcuni valori, es. le emissioni di particolato primario.

Conto termico stufa a pellet: come fare domanda

Per ottenere l'incentivo per la sostituzione del vecchio generatore di calore bisogna seguire una specifica procedura. La domanda può essere inoltrata anche tramite una ESCO (Energy Service Company), ossia una società che progetta, realizza e finanzia interventi di riqualificazione energetica per conto terzi.

La documentazione da allegare alla domanda comprende

  • richiesta di concessione degli incentivi;
  • delega del Soggetto Responsabile (es. una ESCO) al Soggetto Delegato (es. il richiedente l'incentivo);
  • copia del relativo contratto EPC (solo nel caso in cui il Soggetto Responsabile sia una ESCO);
  • autorizzazione del proprietario dell’edificio/immobile su cui l’intervento è stato realizzato;
  • fatture e bonifici dei pagamenti con la causale indicata nel DM 16.02.16.
  • asseverazione del tecnico abilitato per installazione di generatori > 35 kW;
  • certificazione del produttore degli elementi impiegati che attestino rispetto dei requisiti del DM 16.02.2016 (non necessaria se il generatore è inserito nel Catalogo degli apparecchi prequalificati);
  • relazione tecnica illustrativa con schemi funzionali d’impianto (se ≥ a 100 kW);
  • documentazione fotografica raccolta in un unico pdf comprendente:
  1. le targhe dei generatori sostituiti e di quelli installati;
  2. i generatori sostituiti e installati;
  3. la centrale termica o il locale di installazione prima e dopo l'installazione;
  4. le valvole termostatiche o il sistema di regolazione modulante della portata;
  5. vista d’insieme del sistema di accumulo termico installato, dove previsto dal DM 16.02.16.
Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it