un termoarredo bagno in acciaio

Sia scaldasalviette che termoarredo possono contribuire a rendere il bagno più moderno e funzionale. Ma in che cosa sono diversi?

La differenza principale sta nella potenza termica. I termoarredo sono veri e propri termosifoni, in grado di scaldare ambienti di diverse dimensioni. Gli scaldasalviette, invece, possono coadiuvare i radiatori, ma non sostituirli.

Ci sono poi ulteriori differenze nel design che, nel caso degli scaldasalviette, sarà ovviamente orientato alla funzione di scaldare gli asciugamani mentre, nel caso dei termoarredo, ad assicurare la migliore resa termica.

Anche le dimensioni saranno differenti, con misure minime e massime tendenzialmente più piccole per gli scaldasalviette e più grandi per i termoarredo.

Per quanto riguarda i materiali, entrambi possono essere in

  • alluminio
  • acciaio
  • ghisa.

I termoarredo in alluminio sono leggeri ed hanno una bassa inerzia termica, il che li rende ideali per riscaldare velocemente piccoli ambienti. Inoltre, hanno un costo contenuto.

I termoarredo in acciaio sono ugualmente leggeri e anche molto robusti, ma hanno costi leggermente maggiori.

I termoarredo in ghisa sono decisamente più pesanti, ma anche molto durevoli. L'elevata inerzia termica consente di rilasciare il calore lentamente, rendendoli adatti anche ad immobili poco coibentati.

In questo articolo parleremo dei prezzi sia dei termoarredo che degli scaldasalviette, con i costi di installazione, come sceglierli e qualche consiglio su dove collocarli.

Quanto costa uno scaldasalviette da bagno?

Gli scaldasalviette per il bagno hanno un costo variabile a seconda del materiale di cui sono realizzati. Il funzionamento (ad acqua, elettrico, misto) ha una minore influenza sul prezzo, con costi leggermente maggiori per gli scaldasalviette ad acqua o misti.

Lo sviluppo dello scaldasalviette può anch'esso influenzare il prezzo. La maggior parte dei modelli in commercio hanno uno sviluppo verticale, perciò uno scaldasalviette orizzontale (ideale per un bagno molto piccolo) avrà prezzi maggiori.

Uno scaldasalviette in alluminio di piccole dimensioni, ad esempio, ha un costo medio di 30 euro.

Un po' più cari gli scaldasalviette in acciaio, con costi che vanno da 100 euro in su.

Gli scaldasalviette in ghisa possono costare anche 200-300 euro con ampie variazioni a seconda del design. I modelli più diffusi sono quelli vintage da appoggio, che ricordano un po' i termosifoni tubolari.

Quanto costa un termoarredo bagno di design?

I radiatori in alluminio sono tendenzialmente i più economici. Un semplice termoarredo bianco da bagno, interasse di 45 cm x 120 cm di altezza, ha un costo di circa 150 euro. Costi maggiori per i modelli colorati: un termoarredo bagno di colore nero delle stesse dimensioni costa sui 250 euro.

I termoarredo bagno in acciaio hanno un costo che va da 100 euro in su. Per fare un esempio, un termoarredo bagno con interasse 50 cm x 170 cm di altezza costa circa 200 euro. Un po' più cari i modelli con sviluppo orizzontale: un termoarredo bagno orizzontale in acciaio (dimensioni 40 x 120 cm) costa circa 700 euro.

I termoarredo in ghisa hanno un costo relativamente contenuto quando si parla di modelli tubolari, con una base di 20 euro ad elemento. Decisamente più cari i termoarredo-scaldasalviette di design, con costi che possono superare i 3mila euro.

Scaldasalviette e termoarredo bagno: costi di posa

L'installazione di un termoarredo o di uno scaldasalviette ha un costo di circa 50 euro, cui bisogna aggiungere la chiamata dell'installatore, le modifiche degli attacchi e le opere murarie che dovessero rendersi necessarie.

I costi di posa variano sensibilmente a seconda delle zone, in base ai prezzi della manodopera per cui, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • capire quali sono i costi dei radiatori nella tua città;
  • trovare installatori disponibili a trattare sui costi di posa;
  • trovare termoarredi e scaldasalviette in offerta - alcune ditte godono di convenzioni con i rivenditori e possono acquistare materiale termoidraulico a prezzo scontato.

Preventivi per scaldasalviette e termoarredo... senza stress

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a installatori della tua zona tramite il nostro portale. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per il nuovo termoarredo o il nuovo scaldasalviette da tre ditte specializzate vicine a te.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca della soluzione giusta per te!

Termoarredo per il bagno: misure

La prima cosa da fare prima di acquistare un termoarredo o uno scaldasalviette ad acqua è prendere bene le misure. Le dimensioni che servono sono

  • interasse
  • altezza massima
  • larghezza massima.

L'interasse misura la distanza tra i due attacchi, che possono essere posizionati in verticale, di lato, o in orizzontale, in basso. Sia nel caso dei termoarredo da parete che degli scaldasalviette le misure dell'interasse vanno da 30 a 80 cm.

I più fortunati avranno un attacco a valvola centrale, che permette di sostituire il radiatore con uno più grande o più piccolo senza preoccuparsi degli attacchi. In genere, però, è presente su richiesta solo nelle nuove costruzioni.

Le ultime due misure (altezza e larghezza massima) si riferiscono allo spazio disponibile in orizzontale o in verticale. La larghezza va da 40 a 75 cm, mentre la lunghezza va da 70 a 180 cm.

Gli scaldasalviette elettrici sono più versatili, basta avere una presa alla distanza indicata dal produttore.

Dove collocare il termoarredo

Dove mettere un termoarredo o uno scaldasalviette?

Per quanto riguarda i termoarredi, la posizione ideale sarebbe nella parte bassa della stanza, ad almeno 10 cm da terra, in modo da scaldare l'aria più fresca che tende a stazionare in basso. Possibilmente bisognerebbe cercare di collocare i termoarredi in prossimità di porte o finestre, per controbilanciare la dispersione di calore.

Gli scaldasalviette dovranno avere una posizione comodamente accessibile, avendo cura di valutare anche l'ingombro in profondità, specie se si tratta di modelli con ripiani apribili.

Nei bagni molto piccoli spesso si cerca di sfruttare lo spazio disponibile in verticale, collocando ad esempio il termoarredo bagno sopra il bidet. In questo caso va posta molta attenzione alla distanza tra termoarredo e scaldasalviette elettrici e sanitari, che non dovrà essere possibilmente inferiore a 60 cm.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it