un termoarredo orizzontale in un bagno moderno

I termoarredi orizzontali possono essere molto utili nelle ristrutturazioni, perché più adatti a prendere il posto dei vecchi radiatori senza bisogno di modificare gli attacchi.

Grazie alla distribuzione in larghezza possono essere collocati sotto le finestre, in nicchie, sopra mobili o sanitari, su pareti divisorie basse o in ambienti mansardati. Alcuni modelli modulari possono avere una lunghezza notevole e possono essere addirittura adattati a pareti curve, per il massimo della flessibilità.

La varietà delle tipologie in commercio è tale da incontrare veramente tutti i gusti e tutte le esigenze.

Si va dai radiatori tubolari colorati, di grande tendenza in questo 2018, ai termoarredi con elementi radianti orizzontali, che contribuiscono anche a far sembrare la stanza più grande.

Una variante interessante sono i termoarredi a piastre chiuse, che uniscono una buona resa termica a linee essenziali e moderne e ad una maggiore facilità di pulizia.

Chi vuole un radiatore perfettamente mimetico con l'ambiente può scegliere un termoarredo di design da appendere alla parete. Nei cataloghi dei produttori c'è una vasta disponibilità di modelli tubolari, piatti o a pannello, con forme e finiture particolari e ampie possibilità di personalizzazione.

In questo articolo trovi i prezzi di questi e altri modelli di termoarredo, con i costi di installazione, qualche consiglio per scegliere un termoarredo per il bagno e le agevolazioni fiscali per la sostituzione dei radiatori.

Termoarredi orizzontali: prezzi

I termoarredi orizzontali più economici sono quelli con elementi radianti tubolari o piatti. I prezzi, però, possono variare a seconda del materiale: i radiatori in alluminio partono da 8-10 euro ad elemento, mentre quelli in acciaio costano circa 15 euro ad elemento. In particolare quest’anno sono molto richiesti i radiatori colorati, ideali per dare un tocco di vivacità anche agli ambienti più minimali.

I termoarredi a tubi orizzontali, dal design pulito e moderno, sono perfetti per sostituire i vecchi termosifoni. Un piccolo termoarredo con tubi orizzontali (140 x 25 cm), color antracite, costa circa 550 euro.

Un'alternativa più classica sono i termoarredi con tubi rettangolari. I modelli più piccoli (48 x 160 cm) costano 550-600 euro.

Un termoarredo orizzontale a piastre chiuse (52x45 cm), ideale per il soggiorno, costa circa 300 euro se bianco, 350 se colorato. I modelli più grandi possono arrivare a costare anche 1.000 euro.

Quanto costa, invece, un termoarredo orizzontale di design?

I più economici generalmente hanno un costo non inferiore a 30-50 euro ad elemento. I radiatori in acciaio da parete con cover decorata raramente scendono sotto i 1.000 euro.

Termoarredo orizzontale: costi di installazione

La posa in opera di un termoarredo orizzontale costa circa 50 euro più la chiamata, con ampie variazioni a seconda delle zone anche in funzione dei costi della manodopera.

Farsi fare un preventivo è un ottimo modo per evitare sorprese sul prezzo finale. Non solo, confrontare più preventivi ti permette di

  • farti un'idea dei costi dei termoarredi nella tua città;
  • trovare professionisti disponibili a trattare sui costi di posa;
  • trovare termoarredi in offerta - alcune ditte specializzate godono di convenzioni con i rivenditori di termoidraulica e possono acquistare il tuo termoarredo per te a prezzo scontato.

Preventivi per i termoarredi orizzontali... tra un impegno e l'altro

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a installatori della tua zona tramite il nostro portale. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per i tuoi nuovi termoarredi da tre ditte specializzate vicine a te.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca della soluzione migliore per te!

Scegliere un termoarredo orizzontale per il bagno

I termoarredi per il bagno possono servire a coadiuvare i radiatori tradizionali oppure a sostituirli del tutto. In commercio esistono termoarredi scaldasalviette con una potenza termica sufficiente a scaldare un bagno di piccole-medie dimensioni, sia a funzionamento idraulico che elettrico.

Il funzionamento elettrico o misto è consigliabile nei climi freddi e umidi, perchè rende il termoarredo indipendente dall'impianto centralizzato dell'abitazione, consentendo l'accensione nei momenti più freddi della giornata senza dover necessariamente accendere la caldaia. Inoltre, lo scaldasalviette può essere utilizzato per togliere l'umidità residua da piccoli capi di abbigliamento o biancheria.

Tra i modelli più diffusi c'è il termoarredo scaldasalviette tubolare, con prezzi che vanno da 100-150 euro in su. I termoarredi di design hanno costi maggiori. Ad esempio, un originale termoarredo cromato a forma di graffetta può costare da 800 a 1.200 euro a seconda delle dimensioni.

I termoarredi orizzontali in genere vengono scelti perché possono essere collocati sopra ai sanitari o alla vasca da bagno. Questa posizione però può ridurre l’efficienza del termoarredo, per il semplice fatto che non favorisce la formazione di moti convettivi che permettono di riscaldare rapidamente l'ambiente. E' opportuno, quindi, scegliere termoarredi con una potenza termica superiore al fabbisogno o abbinarli a radiatori tradizionali.

Termoarredo orizzontali e agevolazioni fiscali

Le detrazioni fiscali per la ristrutturazione consentono di ottenere il rimborso Irpef di una quota della spesa sostenuta per gli interventi di manutenzione straordinaria delle abitazioni e di manutenzione ordinaria delle aree comuni condominiali.

Con l'ultima Legge Finanziaria la quota di rimborso per chi sostituisce i radiatori o installa delle valvole termostatiche su quelli esistenti è passata dal 65% al 50%, con decorrenza a partire dal 1 gennaio 2018.

Per usufruire delle detrazioni è necessaria la dichiarazione di conformità rilasciata dall'installatore e bisogna pagare la fattura tramite bonifico parlante, contenente in causale nome, cognome e codice fiscale del beneficiario della detrazione, partita Iva o codice fiscale per beneficiario del pagamento, numero della fattura e riferimento normativo (art. 16-bis DPR 22 dicembre 1986 n. 917).

L'ecobonus con rimborso al 65% è ancora ottenibile per l’installazione di valvole termostatiche a bassa inerzia termica sui caloriferi esistenti, purchè venga sostituito anche il generatore di calore con una caldaia a condensazione di classe A con sistemi di termoregolazione evoluti. Per approfondire puoi leggere il nostro articolo sulla riqualificazione energetica degli edifici.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it