un radiatore colorato d'arredo

I termosifoni colorati sono sempre più diffusi, perché permettono di dare un tocco di colore alle stanze, ma anche di armonizzarsi meglio ai colori delle pareti, dei pavimenti e dell'arredamento.

Ogni produttore ha la sua cartella colori, che spazia da colori neutri come l'avorio e il grigio antracite a tinte pastello come il verde menta fino colori intensi come il rosso carminio.

Tra i modelli più diffusi troviamo

  • radiatori tubolari
  • radiatori a piastra
  • radiatori a superficie (altrimenti detti a quadro).

I radiatori tubolari sono tra i più classici, ideali anche con un arredamento vintage. I radiatori a piastra, lineari e facili da pulire, sono indicati per gli ambienti in stile moderno. I radiatori a superficie radiante piana sono i più versatili, capaci di integrarsi alla perfezione in ogni contesto.

Oltre a queste tipologie ci sono i radiatori di design, che possono avere forme veramente inusuali. I radiatori d'arredo possono essere da parete o freestanding, questi ultimi da collocare anche a centro stanza. Alcuni possono assomigliare a vere e proprie opere d'arte e persino essere dotati di elementi contenitore o di illuminazione integrata.

In questo articolo parleremo dei prezzi dei termosifoni colorati, con i costi di posa, alcuni consigli per scegliere il modello giusto e le novità 2018 per quanto riguarda le agevolazioni fiscali.

Termosifoni colorati: prezzi

I radiatori colorati hanno prezzi variabili a seconda del materiale di cui sono realizzati.

I più economici sono i radiatori in plastica, leggeri e riciclabili. Sono anche molto economici (circa 7 euro ad elemento): peccato che siano pochissime le aziende a produrli, almeno nel nostro Paese.

La maggior parte dei radiatori colorati sono in alluminio perchè questo materiale, sensibile all'umidità, deve essere necessariamento protetto con una verniciatura, meglio se anticorrosione. Il prezzo dei termosifoni in alluminio colorati è di 8-10 euro ad elemento.

I radiatori colorati in acciaio hanno un costo leggermente superiore, circa 15 euro ad elemento.

I termosifoni in ghisa colorati, apprezzati per la loro capacità di rilasciare il calore molto lentamente, hanno un costo di circa 20 euro ad elemento.

I termosifoni colorati d'arredo hanno un costo molto legato al modello. Si va da 200-300 euro dei termoarredo per il bagno fino ad arrivare ai 500-1.000 euro dei radiatori di design.

Possono esserci piccole variazioni nei prezzi anche a seconda del tipo di alimentazione. I radiatori elettrici costano leggermente meno rispetto a quelli ad acqua, ma hanno consumi più elevati. In compenso possono essere alimentati tramite l'impianto fotovoltaico domestico.

Termosifoni colorati: costi di installazione

Sostituire un termosifone costa in media 50 euro più la chiamata del tecnico, le eventuali modifiche dell'impianto idraulico e le opere in muratura. Va da sé che sostituire in blocco tutti i radiatori consente di risparmiare almeno sui costi di chiamata.

I costi di installazione variano a seconda delle zone, anche in funzione dei prezzi della manodopera. Per questo motivo, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea dei prezzi dei termosifoni colorati nella tua città;
  • trovare professionisti disponibili a trattare sui costi di posa;
  • trovare termosifoni in offerta - alcune ditte godono di convenzioni con i rivenditori di termoidraulica e possono acquistare i tuoi termosifoni per te a prezzo scontato.

Preventivi per i termosifoni colorati... anche se hai poco tempo

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a installatori della tua zona tramite il nostro portale. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per i tuoi radiatori colorati da tre ditte specializzate vicine a te.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca della soluzione giusta per te!

Termosifoni colorati: che colore scegliere?

Come scegliere il colore giusto per i termosifoni? Alcuni aspetti da prendere in considerazione sono il colore del pavimento e delle pareti, il colore dell'arredamento e la qualità della luce presente nella stanza.

In genere quando si scelgono i colori dei diversi elementi dell'arredamento si cerca di rispettare la regola del tre colori, che consiste nel non utilizzare più di tre colori diversi nello stesso ambiente, magari declinando le diverse sfumature.

Inoltre, si cerca sempre di creare un sufficiente contrasto tra lo sfondo e i diversi elementi della stanza. No quindi a radiatori di colori simili alle pareti: meglio uno o due toni più chiari o più scuri.

Per quanto riguarda la qualità della luce, le stanze esposte a nord-est godranno di maggiore luce al mattino, quando la qualità della luce è più fredda, mentre quelle esposte a sud-ovest saranno maggiormente illuminate la sera, quando la qualità della luce è più calda.

Nel primo caso meglio puntare su colori caldi come il giallo, il rosso, l'arancio, il rosa. Nel secondo meglio prediligere colori freddi come il blu o il verde, oppure colori pastello.

Da tenere presente che colori come il beige, il tortora e l'avorio non sono veramente neutri: a seconda delle sfumature il tortora, ad esempio, può nascere dalla fusione di grigio e marrone oppure di grigio e blu.

Sostituzione dei termosifoni e agevolazioni fiscali 2018

L'ultima legge Finanziaria ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 le detrazioni fiscali per la ristrutturazione delle abitazioni, con alcune novità.

Può usufruire del rimborso Irpef del 50% della spesa sostenuta chi

  • sostituisce i radiatori;
  • installa valvole termostatiche sui radiatori esistenti.

Dal 1 gennaio 2018 per quest'ultimo intervento non si può più chiedere il rimborso al 65% per gli interventi di miglioramento dell'efficienza energetica (ecobonus), riservato solamente a chi installa valvole termostatiche insieme a caldaie a condensazione di classe A con sistemi di termoregolazione evoluti.

Rimane la possibilità di applicare l'aliquota Iva al 10%, ma solo sulla manodopera necessaria all'installazione. I termosifoni non rientrano tra i "beni significativi" elencati nel D.M. 29-12-1999, al contrario delle caldaie.

Per approfondire puoi leggere la nostra guida alle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it