un moderno termosifone tubolare verticale

I termosifoni tubolari sono un classico ancora molto diffuso, grazie anche ai vantaggi che offrono, tra cui efficienza, versatilità e durata nel tempo.

La resa termica di questi termosifoni è molto buona: merito dell'ampia superficie radiante esposta all'aria, ulteriormente modulabile aumentando o diminuendo il numero di colonne per elemento. I radiatori tubolari multicolonna sono integrabili in qualsiasi spazio, dalle pareti dietro le porta a grandi nicchie o rientranze nella parete.

I radiatori tubolari sono versatili, in virtù della struttura modulare che consente di aggiungere o togliere elementi in funzione dello spazio disponibile. Inoltre, possono avere andamento curvo o angolare. La forma pura ed essenziale si presta a tante varianti nel design, dalle più classiche alle più contemporanee.

La forma tubolare rende questi radiatori particolarmente robusti e durevoli.

I materiali utilizzati possono essere

  • ghisa
  • alluminio
  • acciaio
  • polipropilene (plastica).

Per quanto riguarda i modelli, si possono suddividere in base al tipo di funzionamento (ad acqua, elettrico o misto) oppure in base al design (orizzontale, verticale, da parete, da appoggio).

In questo approfondimento parleremo dei prezzi e dei costi di installazione di questa tipologia di radiatori, delle differenze tra i diversi materiali e delle novità riguardanti le agevolazioni fiscali 2018.

Termosifoni tubolari: prezzi

I termosifoni in ghisa hanno un costo base di 20 euro ad elemento. Per fare un esempio concreto, un piccolo termosifone tubolare a 5 elementi per 2 colonne costa circa 150 euro.

I termosifoni tubolari in alluminio sono un po' più economici, con un prezzo che va da 10 euro ad elemento - anche in base alla finitura e alle dimensioni del termosifone. I grandi termosifoni tubolari verticali, ad esempio, possono essere alti fino a 180 cm e avere un costo che supera i 50 euro ad elemento.

Anche i termosifoni tubolari in acciaio hanno prezzi variabili a seconda dell'altezza. Un termosifone a sviluppo orizzontale da 10 elementi costa in media 130 euro, mentre un radiatore verticale 10 x 3 colonne (H 150 cm) costa sui 300 euro. Per approfondire puoi leggere il nostro articolo sui termosifoni in acciaio.

I termosifoni in plastica, economici e coloratissimi, hanno un costo di circa 7 euro ad elemento, ma sono poco diffusi sul territorio italiano in quanto prodotti solamente da poche ditte.

Termosifoni tubolari: costi di posa

L'installazione di un singolo radiatore ha un costo medio di 50 euro, più la chiamata del tecnico e gli eventuali lavori di adattamento dell'impianto idraulico. Il costo di manodopera per la sostituzione della caldaia, invece, è di circa 300 euro (anche a seconda della tipologia).

I costi di installazione variano a seconda delle zone, anche in funzione dei prezzi della manodopera. Per questo motivo, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea dei prezzi dei radiatori nella tua città;
  • trovare professionisti disponibili a trattare sui costi di installazione;
  • trovare termosifoni tubolari in offerta - alcune ditte godono di convenzioni con i rivenditori e possono acquistare i tuoi termosifoni per te a prezzo scontato.

Preventivi per i nuovi termosifoni... tra un impegno e l'altro

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a professionisti della tua zona tramite il nostro portale. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per i tuoi termosifoni da tre ditte specializzate vicine a te.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca della soluzione giusta per te!

Radiatori tubolari: meglio in acciaio, alluminio o ghisa?

Ognuno di questi materiali ha i suoi pro e contro ed è adatto a specifiche esigenze.

I termosifoni tubolari in acciaio, ad esempio, sono

  • leggeri
  • robusti
  • antigraffio
  • resistenti all'ossidazione
  • a bassa inerzia termica (si scaldano velocemente).

Tra gli svantaggi troviamo il costo, mediamente più elevato rispetto ad altre tipologie, in particolare quando si parla di termosifoni di design. La bassa resistenza termica influisce sulla capacità del radiatore di conservare il calore accumulato e rilasciarlo gradualmente nell'ambiente, quindi, funzionano bene solamente se l'immobile ha un adeguato isolamento termico.

I termosifoni in ghisa sono altrettanto robusti, ma notevolmente più pesanti. Contrariamente all'acciaio si scaldano lentamente, per poi rilasciare il calore nell'ambiente in maniera graduale. Sono quindi indicati nelle ristrutturazioni di immobili storici, dove la coibentazione non è ideale, specie in zone dove è necessario riscaldare l'abitazione per lunghi periodi.

I termosifoni in alluminio sono un compromesso tra le due tipologie, con costi più elevati della ghisa, ma inferiori all'acciaio. La durata di vita è minore, un po' perchè l'alluminio è un materiale più tenero, un po' perché, se perde la vernice protettiva, a contatto con l'acqua può ossidarsi.

Per il resto, questi radiatori sono leggeri e disponibili in un'infinità di varianti sia classiche che moderne. Hanno prestazioni simili all'acciaio, risultando adatti in particolare per appartamenti e aziende in cui c'è una buona coibentazione.

Agevolazioni fiscali per la sostituzione dei radiatori

L'ultima Legge di Stabilità ha prorogato le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione fino al 31 dicembre 2018, con alcune modifiche.

I lavori per i quali è possibile ottenere il rimborso Irpef al 50% sono

  • sostituzione dei radiatori;
  • installazione di termovalvole sui radiatori esistenti.

L'agevolazioni può essere richiesta sia per gli interventi sulle private abitazioni che sulle aree comuni condominiali.

Per quanto riguarda il rimborso Irpef al 65% (ecobonus), dal 1 gennaio 2018 è possibile ottenerlo solamente per l'installazione di caldaie a condensazione di classe A con sistemi di termoregolazione evoluti, purchè avvenga insieme all'installazione di valvole termostatiche a bassa inerzia termica.

E' sempre possibile ottenere l'applicazione dell'aliquota Iva agevolata al 10% sulla manodopera, ma non sui radiatori, in quanto non rientrano tra i "beni significativi". Al contrario delle caldaie, che possono costituire un bene “finito” con una funzione a sé stante, i radiatori sono considerati facenti parte di un complesso di beni destinato a realizzare una determinata funzione, un po’ come le piastrelle e altri materiali edili.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it