Locale CantinaUna casa ben isolata disperde poco calore, una non isolata ne disperde moltissimo.

Riempire l'intercapedine di isolante è una soluzione a basso costo per un problema molto diffuso: molte abitazioni non hanno alcun isolamento termoacustico.

Questo comporta

  • forti dispersioni di calore in inverno;
  • pareti che si scaldano molto in estate;
  • ponti termici tra interno ed esterno con conseguente formazione di condense e problemi di muffa;
  • forte percezione dei rumori esterni anche con i doppi vetri.

Il danno maggiore è legato ai consumi energetici, in media superiori del 30-40% rispetto alle abitazioni con un cappotto termico esterno.

Non tutti gli edifici hanno l'intercapedine: di solito si trova nelle strutture costruite tra il 1970 e il 1990. Può essere presente solo nei muri perimetrali oppure anche nelle pareti interne e nei solai. Per verificarlo è sufficiente praticare un piccolo foro di trapano sulla parete interessata.

Isolamento termico intercapedine: prezzi

Prendiamo un'intercapedine media di circa 10 cm.

Il materiale da insufflaggio più economico è la cellulosa, ricavata dai giornali e mineralizzata per renderla ignifuga. La cellulosa in fiocchi ha una buona resa e costa circa 12 euro/mq.

L'insufflaggio con schiuma poliuretanica dura qualche anno in più e costa circa 17 euro/mq.

L'insufflaggio con perlite, una pietra naturale ignifuga e traspirante, costa circa 25 euro/mq.

Salubri e durevoli, ma meno diffusi sono l'argilla espansa, la fibra di vetro, la fibra di canapa o lino e la fibra di legno (sughero o pino). Se scegli questi materiali l'isolamento dell'intercapedine può avere costi pari o superiori ai 30 euro/mq.

Isolamento intercapedine: come risparmiare

Come hai visto, l'isolamento per insufflaggio nell'intercapedine ha costi variabili in base al materiale utilizzato, allo spessore dell'intercapedine e al costo della manodopera nelle diverse località.

Un modo pratico per essere sicuro di scegliere una proposta realmente conveniente è confrontare più offerte. Confrontare anche solo due o tre preventivi ti consente di

  • capire quali sono i prezzi medi nella tua zona;
  • confrontare più soluzioni suggerite dall'esperienza di diversi professionisti del settore;
  • trovare imprese disponibili a trattare sui costi di posa in opera - alcune ditte praticano sconti per i lavori entro un certo chilometraggio dalla propria sede aziendale.

Raccogliere i preventivi se hai poco tempo

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, puoi richiedere preventivi a ditte specializzate vicine a dove vivi tramite il nostro portale.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi completi di prezzi da tre professionisti della tua zona.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi: se nessuno di essi fa al caso tuo, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione più giusta per te.

 

Coibentazione intercapedine: il sopralluogo è importante

Quando chiedi un preventivo, non dimenticare di chiedere anche un sopralluogo gratuito.

Un rappresentante della ditta potrà misurare la dimensione dell'intercapedine ed eventualmente ispezionarla con una microcamera, per verificare che sia effettivamente libera.

Prima di procedere all'isolamento di intercapedini esistenti bisogna eliminare gli ostacoli presenti all'interno - spesso si trovano residui di altri isolanti, materiali di cantiere, api o altri piccoli animali.

Un sopralluogo consente alla ditta di compilare un preventivo più preventivo preciso (specie riguardo ai prezzi). Se l'intervento non comporta particolari difficoltà, può anche decidere di farti uno sconto aggiuntivo rispetto ai prezzi di listino.

Isolamento termico in intercapedine: vantaggi

Come si fa l'isolamento in intercapedine dei muri esistenti?

Dopo una fase di analisi, in cui si sonda l'intercapedine per capire quanto è grande, se si estende per tutta la muratura e se ci sono dentro altri materiali, si praticano dei fori sul muro esterno o interno e si pompa all'interno dell'intercapedine il materiale isolante sfuso.

Rispetto ad altre tipologie di isolamento termico, presenta diversi vantaggi:

  • si può agire dall'interno, non è necessario chiedere permessi né montare impalcature;
  • non bisogna sgomberare l'edificio;
  • la posa è veloce (in media un giorno di lavoro).

Meglio cappotto esterno o isolamento in intercapedine?

L'insufflaggio conviene per via dei costi contenuti e della facilità di posa.

Un cappotto esterno, però, presenta due vantaggi notevoli:

  • ha una maggiore capacità isolante anche nei punti critici, es. i punti di contatto tra pilastri e solai, che l'insufflaggio NON contribuisce a coibentare.
  • se realizzato bene, un cappotto esterno non perde capacità isolante. Nell’insufflaggio, specie se non è stata utilizzata la giusta quantità di isolante, il materiale tende a compattarsi verso il basso lasciando vuote alcune parti dell'intercapedine.

Isolamento in intercapedine dei muri perimetrali

L'isolamento in intercapedine con insufflaggio può avvenire anche solo sui muri perimetrali, garantendo un minor dispendio energetico in tutto l'edificio. E' la soluzione più adatta per piccoli condomini, a patto di verificare bene le dimensioni e la natura dell'intercapedine.

Un'intercapedine, infatti, può essere chiusa o aperta. L'intercapedine chiusa ha una funzione di rudimentale cappotto termico esterno ed uno spessore di pochi cm. L'aria è uno dei migliori isolanti termici e, se ferma, contribuisce a rallentare lo scambio di calore tra ambiente interno ed esterno.

Un'intercapedine aperta o ventilata è più spessa (fino a 30 cm!) ed ha diversi punti di scambio di aria con l'esterno o con l'interno.

Intercapedine ventilata

Un'intercapedine aerata può essere utile nel caso in cui le pareti al contatto con il terreno assorbano acqua, la quale si diffonde capillarmente causando vistose macchie di umidità. E' la cosiddetta umidità di risalita, che con una corretta ventilazione può essere ridotta o addirittura eliminata.

Questo sistema però rende l'edificio meno efficiente dal punto di vista energetico. L'isolamento con insufflaggio può essere una soluzione, ma solo se abbinato ad un intervento per isolare il primo solaio e le pareti controterra dell'edificio.

Ne abbiamo parlato a proposito dell' impermeabilizzazione/isolamento termico della cantina.

Intercapedine e umidità

Quali sono i materiali migliori per l'insufflaggio in caso di problemi di umidità? Dipende dalla sua origine.

L'isolamento in intercapedine con cellulosa ha il vantaggio di essere traspirante. La cellulosa permette il passaggio del vapore e, essendo stabilizzata con appositi trattamenti, non subisce particolari danni per il fatto di bagnarsi e asciugarsi. Anche argilla e fibra di legno sono traspiranti, ma una volta umidi perdono parte del loro potere isolante.

L'isolamento in intercapedine con polistirolo espanso è perfetto per proteggere l'abitazione dall'umidità esterna: si tratta di un materiale impermeabile e resistente all'acqua.

La stessa cosa vale per l'isolamento in intercapedine con schiuma poliuretanica, ottimo isolante, impermeabile, ma scarsamente traspirante.

Nei casi di forti condense interne o di problemi di umidità di risalita meglio scegliere le lane minerali, che mantengono il loro potere isolante anche in presenza di umidità.

Media calcolata su 2 voti
Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it