il massetto sottopavimento deve essere perfettamente planare

Il massetto è l'elemento costruttivo posto immediatamente sopra al sottofondo e destinato ad accogliere il pavimento. Per assolvere bene la sua funzione deve essere

  • planare
  • liscio
  • asciutto
  • pulito
  • privo di fessure
  • ben stagionato
  • resistente
  • del giusto spessore.

Un buon massetto deve avere una buona stabilità dimensionale, essere in grado di ripartire i carichi statici e dinamici cui è sottoposto il pavimento ed avere uno spessore equilibrato: quanto basta per assicurarne la durata, ma sempre con un occhio al peso in relazione alla portata del solaio.

La misurazione dell'umidità del massetto è indispensabile per la posa di alcuni tipi di pavimentazione. Legno e marmo, ad esempio, sono sensibili a massetti troppo umidi.

Anche la stagionatura del massetto è parte imprescindibile della buona riuscita del pavimento. Il tempo di asciugatura medio è di 28 giorni.

In questo approfondimento parleremo dei costi di rifacimento di massetto e pavimento, con alcuni consigli per un massetto a regola d’arte.

Massetto per pavimento: prezzi

Il massetto sottopavimento può essere di tre tipologie

  • cementizio
  • autolivellante
  • alleggerito.

Il massetto cementizio è quello più classico, realizzato con cemento, sabbia e acqua in proporzione variabile. Un massetto cementizio per un pavimento interno (4-6 cm di spessore) ha un costo di circa 15 euro al mq.

Il massetto autolivellante, come suggerisce il nome, si livella da solo grazie alla consistenza un po' più liquida. Per realizzarlo si impiegano prodotti premiscelati. Può essere di tre tipologie

  • cementizio
  • con calcio-solfato
  • anidritico.

Il massetto con solfato di calcio è più fluido e facile da stendere. Il massetto anidritico, invece, ha un basso livello di umidità (0,2-0,5%) che lo rende ideale per marmo e parquet.

Un massetto autolivellante per un pavimento interno (4 cm di spessore) ha un prezzo di circa 17 euro al mq, quale che sia la tipologia.

Il massetto alleggerito è una variante più leggera del massetto tradizionale, in quanto addizionato con speciali additivi (polistirolo, argilla espansa, schiuma proteica). Il costo medio è di circa 15 euro al mq per 5 cm di spessore. Per approfondire i costi in base ai diversi tipi di additivo ti rimandiamo ad un nostro precedente articolo.

Un altro costo che bisognerà affrontare nelle ristrutturazioni è la demolizione di pavimento e massetto con smaltimento a discarica del materiale ottenuto, che costa circa 30 euro al mq.

La posa della nuova pavimentazione può avere costi variabili, con una media di circa 15 euro. Per approfondire puoi leggere il nostro articolo sulla posa dei pavimenti interni ed esterni.

Un consiglio per risparmiare

Il massetto viene realizzato sul posto in maniera artigianale e, quindi, può avere un prezzo al mq molto variabile a seconda delle zone, in funzione dei costi della manodopera. Per questo motivo, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea dei prezzi dei diversi tipi di massetto nella tua città;
  • trovare ditte disponibili a trattare sui costi di realizzazione;
  • confrontare più soluzioni sulla base dell'esperienza di professionisti del settore.

Preventivi per massetto e pavimento... senza perdere la testa

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a professionisti della tua zona tramite il nostro portale. Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per il tuo nuovo pavimento da tre ditte specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca della soluzione giusta per te!

Il massetto per il pavimento esterno

Un massetto destinato ad accogliere un pavimento esterno dovrà avere alcune caratteristiche peculiari.

  • Per evitare ristagni d’acqua dovrà avere un’opportuna pendenza, almeno 1-1,5 cm ogni 2 metri lineari.
  • Dovrà essere amato con reti elettrosaldate in acciaio oppure in poliestere o fibra di vetro (per evitarne l'ossidazione).
  • Con pavimenti autobloccanti o drenanti è necessario creare sopra al massetto uno strato di allettamento in ghiaia e sabbia di circa 5 cm, che a sua volta contribuirà a drenare l'acqua in eccesso.

Il costo di un massetto per pavimento esterno di 5 cm di spessore è di circa 20 euro al mq.

Se invece bisogna pavimentare una copertura piana (es. un terrazzo) è obbligatoria una guaina bituminosa e uno strato di isolamento termico. Rifare guaina, strato isolante, massetto e pavimentazione costa intorno a 40 euro/mq.

Il massetto per pavimento radiante

Molti impianti di riscaldamento a pavimento sono annegati direttamente nel massetto che, quindi, diventa un vero e proprio "massetto radiante", con la duplice funzione di accogliere la pavimentazione e riscaldare.

Il riscaldamento a pavimento richiede un massetto in grado di sopportare gli sbalzi termici senza perdere le proprie caratteristiche. Un massetto per pavimento radiante potrà essere un semplice massetto cementizio addizionato con speciali additivi forniti dal produttore dell'impianto, che ne aumentano la conducibilità termica e la stabilità dimensionale.

Oppure potrà essere realizzato con malte cementizie specifiche per pavimenti radianti, che hanno una maggiore conducibilità termica e tempi di asciugatura più brevi.

Lo spessore minimo del massetto è di 3 cm, ma non bisogna neppure cadere nell'eccesso opposto: maggiore è lo spessore, minore è l'efficienza dell'impianto a pavimento. Per andare sul sicuro bisognerebbe rispettare lo spessore indicato dal produttore dell'impianto.

Per evitare dispersioni termiche e accumuli di condensa, oltre che per proteggere gli impianti sottostanti, tra sottofondo e massetto radiante si pone una barriera al vapore e uno strato di isolante termico. Anche la corretta realizzazione dei giunti di dilatazione è molto importante e va decisa sulla base delle zone coperte dal riscaldamento a pavimento. In base alla temperatura, infatti, il massetto avrà un comportamento differente.

Il massetto radiante andrà stabilizzato con un ciclo di preriscaldamento, che consiste nel portare gradualmente l'impianto alla temperatura di esercizio massima, che andrà mantenuta per circa 10 giorni per poi raffreddare altrettanto gradualmente l'impianto. Questo processo serve sia a stabilizzare il massetto che a verificare che la temperatura superficiale sia compatibile con pavimenti sensibili al calore.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.
Attendere..

X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it