tipi di posa del parquet:la posa avvitata

I tipi di posa del parquet sono fondamentalmente tre:

  • inchiodata o avvitata;
  • incollata;
  • ad incastro (o flottante).

Queste tre tecniche non sono intercambiabili - il parquet nasce predisposto per un tipo di posa specifico - per cui è importante decidere prima qual'è il più adatto alle tue esigenze. La posa inchiodata è sicuramente la più stabile, ma anche la più lunga da realizzare e difficile da rimuovere, mentre la posa a colla e ad incastro sono più veloci.

Il parquet può essere posato su diversi tipi di sottofondo, tra cui

  • massetto per parquet (o caldana)
  • sottostruttura di magatelli di legno
  • massetto termico
  • pavimentazione precedente (in legno o altro materiale).

Il massetto per parquet deve avere determinati valori di umidità, compresi tra lo 0,5 (per i massetti anidritici) e il 2% (per i massetti cementizi). Se i valori di umidità del massetto sono superiori, bisogna eseguire un trattamento antiumido.

La sottostruttura di magatelli è il sottofondo tradizionale dei pavimenti con assi inchiodate, ideale sia per il parquet tradizionale che per i pavimenti rustici.

Il massetto termico serve ad isolare termicamente il pavimento e può essere realizzato con pannelli di sughero o premiscelati a base di sughero e inerti. E' il sottofondo classico dei pavimenti per posa flottante.

Sulla pavimentazione ceramica possono essere posati sia pavimenti ad incastro che per posa a colla. La posa del parquet su parquet esistente è possibile solo se quest'ultimo è in buone condizioni, stabile e perfettamente piano.

Posa del parquet: costo

La posa più semplice è quella del parquet laminato, che non a caso ha anche il costo più basso: da 5 euro/mq in su.

La posa del parquet flottante ha prezzi che vanno da 15 a 20 euro al mq, mentre per i parquet prefiniti il prezzo parte da 10 euro/mq. La posa di pavimenti rustici e tavolati ha un costo che va da 15 euro/mq in su, mentre la posa del parquet tradizionale ha prezzi che vanno da 25 a 30 euro/mq.

Perchè questa differenza di prezzo tra la posa di un parquet prefinito e quella di un parquet tradizionale? Il motivo è che quest'ultimo necessita di ulteriori trattamenti dopo la posa, ossia lamatura e verniciatura/lucidatura.

Al costo di posa bisogna aggiungere la preparazione del massetto (8-10 euro/mq) o la graffiatura delle piastrelle nel caso di una pavimentazione esistente (3-5 euro/mq). Anche la posa dei battiscopa a volte si paga a parte (5 euro/metro lineare).

Un consiglio per risparmiare

I prezzi che abbiamo indicato sono orientativi e variano a seconda delle zone, anche in funzione dei costi della manodopera. Ecco, ad esempio, i costi di posa del parquet prefinito (incollato) in tre città campione:

  • posa parquet a Milano - 12,5 euro/mq;
  • posa parquet a Roma - 12 euro/mq;
  • posa parquet a Bologna - 10,5 euro/mq.

Per essere sicuro di scegliere un preventivo davvero conveniente ti consigliamo di confrontare più offerte. Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • capire quanto costa la posa del parquet nella tua città;
  • trovare posatori di parquet disponibili a trattare sui costi di posa;
  • trovare buone offerte anche per quanto riguarda i materiali - alcune ditte godono di convenzioni con i rivenditori di pavimenti e possono acquistare il tuo parquet per te a prezzo scontato.

Preventivi per il parquet... anche se hai poco tempo

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte?

Se vuoi, puoi richiedere preventivi a parquettisti della tua zona tramite il nostro portale.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per la fornitura e posa del tuo parquet da tre ditte specializzate vicine a dove vivi.

I preventivi che riceverai tramite il nostro sito sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi ti interessa, non devi fare altro che rimetterti alla ricerca dell'offerta perfetta per te!

Prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di chiedere un sopralluogo gratuito. Un inviato della ditta verrà a verificare le reali condizioni di posa e potrà compilare un preventivo ancora più preciso. Se il lavoro non comporta particolari difficoltà potresti persino ottenere uno sconto aggiuntivo.

Scegliere il senso di posa del parquet: orizzontale, verticale o...

Meglio la posa in verticale o in orizzontale? La posa migliore per il mio parquet è quella diagonale o dritta?

Per stabilire la direzione di posa ci sono delle “regole non scritte” dettate dall’esperienza dei professionisti del settore.

  • Listelli e doghe si posano con il lato lungo perpendicolare alla finestra o alla porta finestra, in modo che le giunzioni di testa si notino meno.
  • Il lato della stanza parallelo al lato corto dei listelli sembrerà più corto, da tenere presente per non "appiattire" stanze lunghe e strette.
  • La posa del parquet a correre è perfetta per le stanze regolari, mentre se ci sono muri fuori squadro è meglio la posa diagonale o a spina di pesce. Se preferisci comunque la posa a correre è meglio cominciare a posare i listelli dalla parete più vicina all'ingresso, così i tagli si noteranno meno.

La posa del parquet flottante (anche fai da te)

Il parquet flottante è un tipo di pavimento a secco a basso spessore predisposto per la posa su pavimenti esistenti, anche se è possibile posarlo direttamente sul massetto. Si posa ad incastro, semplicemente collocando i listelli uno accanto all’altro.

Prima di collocare il parquet flottante sul vecchio pavimento andranno rimossi tutti i residui di precedenti rivestimenti (es. linoleum o moquette), andrà verificata la stabilità della pavimentazione e andranno ripristinate le parti mancanti.

Poi si procederà alla stesura della barriera al vapore, per evitare la risalita dell'umidità dal massetto, e del tappetino fonoassorbente, per evitare sgradevoli scricchiolii e rendere più stabile la pavimentazione. La barriera al vapore dovrà essere sufficiente da poter essere risvoltata sotto il battiscopa.

A questo punto si posano i listelli partendo dalla parete più lunga e lasciando una distanza sufficiente per i battiscopa con l’aiuto di appositi cunei distanziatori. L'ultimo listello andrà tagliato a misura. A questo punto si tolgono i distanziatori, si taglia lo strato protettivo in eccesso e si posano i battiscopa con del silicone. Se necessario si procede alla rifilatura degli infissi.

Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it