nel Comune di Milano la Cila può essere presentata anche nei Municipi

La CILA (Comunicazione di Inizio Attività Asseverata) è una pratica edilizia nata grazie al Decreto Legge n.40 del 2010, promulgato con lo scopo di alleggerire le pratiche burocratiche per i lavori edilizi.

Il Decreto inizialmente liberalizzava i lavori di manutenzione sia ordinaria che straordinaria ma, una volta convertito in Legge (la n.73 del 22/5/2010), è stato modificato introducendo la CILA per alcune categorie di interventi, anche in seguito alle proteste degli operatori del settore.

Con il Decreto Scia 2 (D.L. n° 222 del 25 novembre 2016) è stato ampliato il numero di lavori che non rientrano nell’edilizia libera e sono rientrati in regime di CILA di tutti i lavori di manutenzione straordinaria, ristrutturazione e restauro di entità più modesta.

Nel Comune di Milano, ad esempio, la CILA va presentata per lavori di

  • manutenzione straordinaria compresa l'apertura di porte interne e lo spostamento di pareti interne;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • rifacimento o integrazione di servizi igienico-sanitari e tecnologici;
  • frazionamento o accorpamento;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • realizzazione di pertinenze di volume inferiore al 20% dell'edificio principale;
  • creazione di serre mobili stagionali con struttura in muratura.

Purchè questi lavori non comportino

  • interventi sulle parti strutturali dell'edificio;
  • alterazioni della cubatura complessiva dell'edificio;
  • cambiamento della destinazione d'uso dell'immobile;
  • alterazioni della sagoma e dei prospetti.

Se si verifica una delle quattro condizioni suddette bisogna presentare almeno una Scia, quando non il Permesso di Costruire.

Quanto costa presentare una CILA nel Comune di Milano?

Contrariamente a quanto avviene in altri Comuni d'Italia, la presentazione della CILA a Milano non è soggetta a costi di segreteria.

Piuttosto, bisognerà affrontare un costo legato alla produzione e alla presentazione di

  • modulo CILA con relativa asseverazione del tecnico;
  • elaborati fotografici e progettuali.

La parcella di un tecnico qualificato ad eseguire la CILA, nel Comune di Milano, ha un costo compreso tra 600 e 800 euro.

Il professionista incaricato di presentare la CILA può essere incaricato anche della progettazione dell'intervento e della direzione dei lavori. La realizzazione del progetto costa in media il 7-10% dell'importo totale, la direzione dei lavori il 4-5% dell'importo totale.

Risparmiare sulla ristrutturazione... e anche sulla CILA

Realizzare una parete divisoria, ristrutturare un bilocale o creare un secondo bagno sono tutti interventi che richiedono la CILA, per i quali puoi risparmiare in maniera consistente confrontando più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • capire quali sono i prezzi delle ristrutturazioni nella tua zona;
  • confrontare diverse soluzioni sulla base dell'esperienza di professionisti del settore;
  • trovare imprese disponibili a trattare sui costi di manodopera.

Molte imprese edili si avvalgono di tecnici di fiducia per le pratiche burocratiche, per cui confrontare le offerte ti aiuta a trovare la soluzione più economica anche per la CILA.

Preventivi per la ristrutturazione comodi e veloci

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, tramite il nostro sito puoi richiedere preventivi a ditte specializzate vicine a te.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per la tua ristrutturazione da tre ditte specializzate della tua zona.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi ti interessa, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione migliore per te!

Dove presentare la CILA a Milano

La presentazione della CILA nel Comune di Milano va fatta

  • nel Municipio dove si trova l'immobile in caso di ristrutturazioni interne;
  • allo Sportello Unico per l'Edilizia nel caso di
  • progetti che comprendano frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari e che incidono sulla facciata o sulle parti esterne dell’edificio;
  • interventi che prevedano aumento o spostamento della superficie lorda complessiva
  • interventi che richiedano deroga a norme o regolamenti vigenti
  • modifiche della destinazione d’uso contestuali agli interventi.

La CILA non è un vero e proprio titolo abilitativo, non bisogna cioè attendere la risposta della pubblica amministrazione. I lavori possono iniziare contestualmente alla presentazione.

Nel Comune di Milano i tempi sono veramente rapidi, dal momento che i professionisti possono avvalersi anche della possibilità di presentare la domanda per via telematica.

Nel caso in cui l'esecuzione dell'intervento sia subordinata al rilascio di atti di assenso obbligatori per la normativa di settore (compatibilità ambientale, autorizzazione paesaggistica, ecc) bisogna indicare la tipologia di atto, l'autorità competente al rilascio, l'eventuale data e numero di protocollo dell'istanza o data e numero di protocollo se l'atto di assenso è già stato ottenuto.

L’inizio dei lavori è comunque subordinato all’acquisizione dei necessari permessi. Nel caso in cui ci sia un dissenso tra più amministrazioni sull’ammissibilità dell’intervento, si può chiedere allo Sportello Unico per l’Edilizia una conferenza di servizi per valutare l’ammissibilità dei lavori.

La CILA in sanatoria a Milano

La disciplina della CILA, contenuta nel DPR 380/2001, prevede che questa venga presentata prima dell'inizio dei lavori.

Se si presenta la CILA a fine lavori bisogna pagare una sanzione di 1.000 euro. La sanzione è ridotta di 2/3 (333 euro) se si presenta la CILA durante l'esecuzione dei lavori.

Oltre alla sanzione, bisognerà sempre pagare la parcella del tecnico. Alcuni professionisti applicano sconti per le pratiche in sanatoria riguardanti piccoli interventi, mentre per lavori più grandi i costi sono simili alla presentazione di una CILA nei tempi previsti.

CILA a Milano e lavori in economia

I lavori in economia sono quelli in cui il committente si avvale di operai e professionisti autonomi senza affidare i lavori ad un'impresa edile (Legge n.98 del 2013). Per questo genere di lavori non è obbligatorio allegare il Documento unico di regolarità contributiva (DURC), necessario per avviare i lavori nei cantieri edili dove operano imprese in appalto.

Non sono considerati lavori in economia tutti quelli che riguardano l'impiantistica, perchè solamente le imprese (individuali o collettive) possono produrre la dichiarazione di conformità. Gli autonomi non sono quindi abilitati ad eseguire questo genere di lavori.

La CILA può essere presentata anche per i lavori in economia, barrando la casella h3 al titolo H del Modulo CILA ("in quanto opere di modesta entità che non interessano le specifiche normative di settore, i lavori saranno eseguiti in prima persona, senza alcun affidamento a ditte esterne").

Media calcolata su 15 voti
Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it