la riqualificazione energetica degli edifici permette di passare da una classe energetica ad un altra

La riqualificazione energetica degli edifici è importantissima non solo per ridurre le emissioni di inquinanti, ma anche per il risparmio energetico e per migliorare la vivibilità degli ambienti. Per questo negli anni sono state messe a punto di politiche per incrementare gli interventi di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici esistenti, soprattutto attraverso sgravi fiscali.

Tra gli interventi di riqualificazione energetica rientrano diverse tipologie di lavori. Ecco quali sono.

  • Interventi di riduzione dei consumi di riscaldamento (es. sostituzione della caldaia esistente con caldaia a condensazione almeno di classe energetica A con termoregolazione evoluta o sostituzione dello scaldabagno tradizionale con scaldabagno a pompa di calore con limite di spesa fino a 30 mila euro).
  • Interventi di miglioramento della coibentazione (es. sostituzione degli infissi con infissi a risparmio energetico, realizzazione di un cappotto termico esterno).
  • Installazione di pannelli solari.

Per questi lavori si ha diritto al rimborso Irpef del 65% della spesa sostenuta.

Dal 1° gennaio 2018 scende al 50% il rimborso Irpef per

  • Acquisto di infissi e schermature solari.
  • Sostituzione della vecchia caldaia con caldaia a condensazione almeno di classe A senza termovalvole.
  • Acquisto e installazione di caldaie a biomassa.

In questo approfondimento troverai alcuni esempi di lavori di riqualificazione energetica con i prezzi, la documentazione da acquisire e come chiedere le detrazioni.

Interventi di riqualificazione energetica: esempi e prezzi

In cosa potrebbe consistere un intervento di riqualificazione energetica di un appartamento?

Alcuni lavori di riqualificazione energetica che si possono eseguire in condominio sono:

E i prezzi?

  • Infissi a risparmio energetico in legno con doppio vetro - in media 200 euro al mq.
  • Tenda a bracci estensibili - circa 20 euro al mq.
  • Impianto di ventilazione meccanica monostanza con recuperatore di calore - circa 350 euro.
  • Caldaia a condensazione - 2.500 euro (a seconda del modello).
  • Scaldabagno a pompa di calore - 2.000 euro (a seconda del modello).
  • Cappotto termico interno a basso spessore - circa 120 euro al mq.

Un consiglio per risparmiare

Il costo degli interventi di riqualificazione energetica a Torino sarà molto diverso dal costo degli stessi lavori di riqualificazione energetica a Milano. Per questo motivo, prima di accettare un preventivo, ti consigliamo di confrontare più offerte.

Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea di quanto costano i diversi interventi di riqualificazione energetica degli edifici nella tua zona;
  • trovare ditte disponibili a trattare sui costi della manodopera;
  • confrontare più soluzioni sulla base dell'esperienza di professionisti del settore.

Preventivi per la riqualificazione energetica di edifici esistenti… senza stress

Hai tanti impegni e non hai tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, tramite il nostro sito puoi richiedere preventivi a ditte specializzate vicine a dove vivi.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per la riqualificazione energetica della tua casa da tre professionisti della tua zona.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non ti impegnano in alcun modo: se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione più adatta a te!

L'attestato di qualificazione energetica (AQE)

L'attestato di qualificazione energetica contiene il fabbisogno energetico dell'edificio e la relativa classe energetica. Deve essere redatto da un tecnico abilitato che, a differenza dell'APE (Attestato di Prestazione Energetica), può essere lo stesso che ha seguito i lavori.

Quanto è obbligatorio l'AQE?

  • Edifici di nuova costruzione
  • nuova installazione o rifacimento degli impianti termici
  • ristrutturazione integrale dell'involucro sopra i 1.000 mq
  • demolizioni e ricostruzioni di edifici esistenti sopra i 1.000 mq
  • ampliamenti per volumi superiori al 20% (solo sull'ampliamento)
  • sostituzione di generatori di calore.

Quanto costa l'AQE? Il costo dipende dalle zone, con una media di 100 euro più IVA. I costi delle pratiche burocratiche possono essere inseriti negli interventi di ristrutturazione per cui è prevista la detrazione fiscale.

L'attestato di prestazione energetica (APE)

L'attestato di prestazione energetica contiene informazioni sui consumi dell'edificio in relazione ai servizi energetici presenti (riscaldamento, climatizzazione estiva, produzione di acqua calda sanitaria, illuminazione, ventilazione meccanica, trasporto di cose o persone).

All'edificio viene attribuita una classe energetica calcolata in KWh/m2 all'anno. Inoltre, viene attribuito un indice di prestazione energetica da fonti rinnovabili e non rinnovabili e vengono calcolate le emissioni di C02 in kg/mq all'anno.

L'APE contiene anche gli interventi raccomandati, il potenziale risparmio in termini di consumi annui e la classe energetica raggiungibile con l'intervento. La riqualificazione energetica di edifici storici difficilmente potrà portare in classe A: è persino possibile rimanere nella stessa classe, ma ottenere lo stesso un cospicuo decremento dei consumi.

Gli interventi di riqualificazione energetica portano un incremento del valore commerciale di un immobile. Come chiarito da Enea con la Legge n°9 del 2014 l'APE è diventato obbligatorio anche per vendere o affittare un immobile esistente e deve essere allegato al contratto di vendita o di affitto, pena sanzioni per ambo le parti. L’Indice di prestazione energetica dell'involucro e la classe energetica devono essere indicati anche negli annunci immobiliari.

Redigere un APE ha un costo diverso da città a città, es. APE più valutazione interventi di riqualificazione energetica a Roma - 120 euro + IVA; APE più valutazione interventi di riqualificazione energetica a Bologna - 150 euro + IVA.

Riqualificazione energetica: come ottenere la detrazione

Quali sono i passaggi per ottenere la detrazione?

  • Pagare con bonifico parlante, contenente in causale nome, cognome e codice fiscale del beneficiario della detrazione, partita Iva o codice fiscale per beneficiario del pagamento e numero della fattura relativa agli interventi di riqualificazione energetica da portare in detrazione.
  • Acquisire l’APE o l’AQE. Acquisire l'asseverazione di conformità delle opere realizzate (d.lgs. 192 - 2005) firmata dal direttore dei lavori o da un tecnico abilitato.
  • Entro 90 giorni dal termine dei lavori, trasmettere copia dell'APE o dell'AQE e scheda informativa degli interventi di riqualificazione energetica effettuati ad Enea, esclusivamente per via telematica. Per gli interventi di riqualificazione energetica non è più previsto l'obbligo di comunicare all'Agenzia delle Entrate l'eventuale prosecuzione dei lavori per più anni.
Media calcolata su 1 voto
Questa pagina ti è stata utile?
Se hai voglia dacci un voto cliccando su una delle stelle 5 stelle qui sopra.
Per noi è importante capire se hai apprezzato questo articolo.

f Condividi su Facebook


Attendere..
X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it