l'applicazione principale del cemento osmotico è come impermeabilizzante

Cos'è il cemento osmotico e a cosa serve?

Si chiama così la malta premiscelata a base di cemento, sabbia / inerti e additivi impermeabilizzanti.

La sua funzione principale è quella di impermeabilizzare superfici "difficili", come quelle a contatto continuo con acqua a forti pressioni (piscine, condutture, serbatoi). Esistono prodotti in grado di resistere anche all’azione di sostanze aggressive, da utilizzare per l’impermeabilizzazione di condotte fognarie.

Si può usare su superfici porose come calcestruzzo e muratura.

Il funzionamento di questo cemento è semplice: grazie alla sua natura osmotica, riesce a penetrare nelle strutture capillari del supporto, dove reagisce chimicamente tappando tutte le parti vuote. Si ottiene così un’impermeabilizzazione chimica.

La struttura di questo tipo di cemento è molto più compatta di quella del cemento tradizionale, ma al tempo stesso rimane traspirante, consentendo così l'applicazione anche per impermeabilizzazioni di controspinta, ossia sul lato opposto a quello dove avviene l'infiltrazione (muri controterra, cantine, seminterrati, vani ascensore e ambienti particolarmente umidi).

Il cemento osmotico è utile anche per problemi di umidità di risalita, purchè si effettui prima un'attenta pulizia e stuccatura della superficie per renderla liscia e compatta e si tratti l’eventuale ruggine dei ferri dell'armatura nel caso del calcestruzzo. Per migliorare la resistenza alla pressione di questi prodotti possono essere miscelati con lattice, raggiungendo la capacità di resistere a pressioni fino a 4 atmosfere.

In questo approfondimento parleremo dei prezzi del cemento osmotico delle migliori marche, compresi i costi finiti delle più comuni applicazioni. Inoltre, parleremo delle detrazioni fiscali per i lavori di impermeabilizzazione.

Cemento osmotico: prezzo

I prodotti premiscelati hanno un costo variabile in base alle prestazioni e alla marca. Ecco tre delle più usate con il costo medio al kg.

cemento osmotico Fassa 0,72 €/kg
cemento osmotico Mapei 0,78 €/kg
cemento osmotico Kerakoll 0,97 €/kg

 

La resa media è 1,5 kg/mq per mm di spessore.

Il costo del lavoro finito

Prendendo come riferimento il cemento osmotico impermeabilizzante della Mapei applicato a pennellessa, a spruzzo o a spatola, in più strati, dopo aver stabilizzato e saturato d'acqua il supporto, il costo finale è di circa 7 euro/mq.

Per la realizzazione di una impermeabilizzazione di controspinta con cemento osmotico serve circa 1 settimana.

Un consiglio per risparmiare

L'impermeabilizzazione con cemento osmotico ha un costo molto variabile in base alle condizioni di applicazione e ai costi della manodopera nelle diverse zone. Per essere sicuro di scegliere un preventivo davvero conveniente ti consigliamo di confrontare più offerte. Confrontare anche solo due o tre preventivi ti permette di

  • farti un'idea di quanto costa il cemento osmotico impermeabilizzante nella tua città;
  • trovare imprese disponibili a trattare sui costi di posa;
  • confrontare diverse soluzioni sulla base dell'esperienza di professionisti del settore.

Preventivi per l'impermeabilizzazione con cemento osmotico... senza stress

Hai tanti impegni e poco tempo per confrontare le offerte? Se vuoi, puoi richiedere preventivi a professionisti vicini a dove vivi tramite il nostro sito.

Basta compilare una breve richiesta e in poche ore riceverai tre preventivi per la tua impermeabilizzazione da tre ditte specializzate della tua zona.

I preventivi che riceverai tramite il nostro portale sono gratuiti e non impegnativi. Se nessuno di essi fa al tuo caso, non devi fare altro che rimetterti in cerca della soluzione migliore per te!

Meglio il cemento osmotico o la guaina bituminosa?

La guaina bituminosa è uno degli impermeabilizzanti più versatili e può essere impiegata per evitare infiltrazioni su fondazioni, pareti controterra, terrazzi, tetti e coperture di vario tipo. Tuttavia ha il difetto di essere facilmente soggetta a scollamenti e rotture, oltre ad essere sensibile agli sbalzi di temperatura.

Il cemento osmotico, al contrario, è estremamente resistente e ottimo per impermeabilizzare superfici a diretto contatto con acqua. Purtroppo però non è compatibile con diversi supporti, tra cui

  • superfici non perfettamente stabili (intonaco, pittura, resina o guaina parzialmente rimossa)
  • cartongesso
  • intonaco a calce
  • superfici soggette ad assestamenti come tetti, coperture, solai, terrazzi.

In questi casi bisognerà utilizzare impermeabilizzanti specifici, di cui parliamo nel nostro articolo sulle guaine impermeabilizzanti.

Cemento osmotico e detrazioni fiscali

Molti lavori con il cemento osmotico consentono di ottenere le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione dell'abitazione, con il rimborso Irpef del 50% della spesa sostenuta. Con l'ultima legge Finanziaria, tali detrazioni sono state prorogate fino al 31 dicembre 2018.

Alcuni interventi che è possibile portare in detrazione sono

  • impermeabilizzazione di tetti e terrazze condominiali;
  • nuova costruzione fognatura o rifacimento con dimensioni e/o percorso diversi da quello preesistente, con opere interne o esterne (dal limite della proprietà fino alla fognatura pubblica);
  • riparazioni varie sulla centrale idrica, con modifiche distributive interne o esterne, nuova costruzione (volume tecnico) nell’ambito di un’operazione di manutenzione straordinaria, di un restauro o di una ristrutturazione;
  • lavori sulla cantina con demolizioni e ricostruzioni tavolati, opere esterne con modifiche delle caratteristiche delle pareti, porte e finestre;
  • ampliamento con formazione di volumi tecnici (demolizione e/o costruzione scale, vano ascensore, locale caldaia, ... con opere interne ed esterne);
  • rifacimento della piscina modificando caratteri preesistenti;
  • rifacimento del vespaio.

Per ottenere la detrazione pagare i lavori con bonifico parlante, contenente la dicitura:

Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986. Pagamento fattura n. … del … a favore di … partita Iva … beneficiario della detrazione … codice fiscale…

Inoltre, bisogna conservare tutta la documentazione relativa all’intervento (fatture, ricevute di pagamento, concessioni e pratiche edilizie, consenso all’esecuzione dei lavori se eseguiti da persona diversa dal proprietario, in condominio delibere assembleari per il consenso all’esecuzione dei lavori).

Se la normativa non prevede alcun titolo abilitativo per l’esecuzione dei lavori, si può semplicemente produrre una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà con la data di inizio dei lavori, che attesti anche che si tratti di interventi agevolabili.

Anche l’immobile dovrà essere regolarmente accatastato (è possibile esibire la domanda di accatastamento se l’immobile non è censito) e in regola col pagamento dell’Imu se dovuta.

Per approfondire puoi leggere il nostro articolo sulle detrazioni fiscali per la ristrutturazione della casa.


X
Richiedi un Preventivo con
TiRichiamo.it